Akvavit

0

L’Akvavit, o aquavit, è un’acquavite originaria della Danimarca e in generale dei Paesi Scandinavi. E’ ottenuta tramite la distillazione di cereali e patate e raggiunge una gradazione alcolica che varia dal 40 al 45%. Viene prodotta principalmente in Danimarca, Svezia, Norvegia e Finlandia dove, a seconda del paese di provenienza, si avranno acquaviti molto differenti per metodo di preparazione, sapore e aromi.  L’Akvavit, infatti, è aromatizzata con numerose erbe e spezie diverse.

AkvavitLa Danimarca è considerata la patria di questo distillato. La prima Akvavit fu prodotta ad Aalborg e ancora oggi qui sono prodotti distillati aromatizzati al cumino, alle erbe (Aalborg Akeleje Snaps), al Madera (Esksport Akvavit) o all’aneto (Porse Snaps). L’akvavit di sole patate, invece, è chiamato ‘Taffel Akvavit’.

In Norvegia si producono distillati aromatizzati al cumino e invecchiati per almeno tre anni in botti di rovere (Gammel Aquavit) o da Sherry (Linie Aquavit). I distillati con dieci anni di invecchiamento sono detti Gilde Taffel.

In Svezia, infine, si produce la “Odarka Taffel Aquavit”, un distillato di patate aromatizzato con cumino, coriandolo, finocchio e sherry.

Produzione

La produzione di akvavit è divisa in quattro fasi.  Si inizia con la preparazione delle patate che vengono prima sbucciate, pressate e poi messe a fermentare con l’aggiunta di acqua per attivare la trasformazione degli amidi in zucchero. Nel caso di distillati con cereali questi ultimi vengono fatti fermentare insieme alle patate.

Il mosto fermentato viene poi distillato. La distillazione viene fatta in alambicchi a colonna ed è doppia allo scopo di ottenere un prodotto più raffinato nonostante la povertà delle materie prime. Il distillato può, poi, essere filtrato con il carbone di legna.

La fase finale, prima dell’imbottigliamento, consiste nell’aromatizzazione della bevanda con semi di cumino o erbe. In alternativa all’aromatizzazione con erbe si può sottoporre il distillato a un periodo di invecchiamento in botti di rovere o utilizzate in passato per vini come lo sherry.

La quarta e ultima fase è quella dell’imbottigliamento. La principale azienda produttrice di akvavit è la danese “De Danske Spirit Fabrikker” riconoscibile per la bottiglia recante la croce di Malta.

Degustazione

L’akvavit è solitamente bianca e ha una gradazione alcolica pari al 45%, viene consumata molto fredda e liscia. Si può servire come aperitivo per accompagnare antipasti piccanti o a base di salumi. Può essere servita anche nel caffè. Difficilmente viene utilizzata come base per cocktail a causa dell’aroma di cumino che male si sposa con gli altri liquori. Viene bevuta in piccoli bicchieri di forma conica.

Share.

I commenti sono chiusi