Azienda agricola Baravalle

Azienda agricola Baravalle
Azienda agricola Baravalle

Era il 1995 quando la famiglia Moriggia / Colombari decise di acquistare l’azienda agricola Baravalle, decidendo di mantenere il suo nome per poter così omaggiare chi diede prestigio alla struttura fin dai primi decenni del Novecento.

La tenuta ci porta a scoprire un piacevole scorcio sulle colline della Valle Chiozze, in Calamandrana, dove la vocazione viticola ha vissuto un periodo davvero fortunato. Da 22 anni i proprietari hanno deciso di usare la propria esperienza per produrre i veri classici della cultura vitivinicola del Piemonte, ottenendo importanti riconoscimenti a livello nazionale.

A partire dal 2004 ha preso il via una totale ristrutturazione che ha riportato il cascinale alle sue origini più antiche, con una zona apposita destinata alla degustazione: per questo sono state aperte le porte al pubblico in modo da far conoscere non solo il buon vino ma anche il territorio.

I vitigni Baravalle

A caratterizzare i vitigni sono le uve di ottima qualità, mantenuta così alta grazie alla cura rigorosa che viene effettuata con precisione per proteggere il profumo del vino.

Il vigneto sul quale si lavora ancora ad oggi in provincia di Asti è stato realizzato nel 2000, con uve Chardonnay, che hanno permesso così la prima raccolta a partire dalla vendemmia del 2004. Nel 2005, 10 anni dopo la fondazione, il progetto ha finalmente preso il via.

E’ quindi nato il nuovo prodotto “Piemonte doc Chardonnay”. Al tempo stesso si è cercato di vinificare il Barbera d’Asti Superiore partendo dal nuovo disciplinare Nizza: la regola è quella di lavorare su un vigneto che, oltre a sorgere in collina, abbia viti con almeno sette anni di età, e sia esposto a Sud, Sud-Ovest.

Altrettanto importante nel disciplinare è la resa massima di 70 quintali per ettaro e soprattutto la vendemmia tardiva. Le prime produzioni comprendevano i vini classici della zona del Monferrato, ovvero il Dolcetto d’Asti DOC, Barbera d’Asti DOC, il Cortese dell’Alto Monferrato DOC ed il Brachetto DOCG.

Le uve devono avere una gradazione minima (e naturale) pari a 12,5 gradi, oltre a un invecchiamento di almeno 18 mesi con 6 dei quali da trascorrere all’interno di botti in legno.

I vini prodotti dall’azienda Baravalle

I rossi (Barbera d’Asti D.o.c.g., Barbera d’Asti Superiore Nizza D.o.c.g., Dolcetto d’Asti D.o.c., Vino Rosso Barbella, Barolo D.o.c.g., Langhe D.o.c. Nebbiolo)

I bianchi (Piemonte D.o.c. Chardonnay, Cortese dell’Alto Monferrato D.o.c., Roero Arneis D.o.c.g., Terre Bruciate, Ecartè Re di Fiori) da dessert (Moscato d’Asti D.o.c.g., Brachetto d’Acqui D.o.c.g.)

ed ovviamente non potevano non mancare le grappe.

 

01417515
Frazione Valle Chiozze, 24
14042
Calamandrana