I vitigni della Lombardia

0

La Lombardia è divenuta col tempo una delle maggiori regioni italiane produttrici di vino e che vanta tra la sua grande produzione i più prestigiosi marchi come l’Oltrepò Pavese, il Capriano del Colle, il Colli Mantovani e il Valtellina DOCG; questi vini celebri hanno reso la Lombardia famosa nel mondo e rappresenta per l’Italia un patrimonio viticolo considerevole e importantissimo. La regione lombarda, essendo una delle regioni più estese del territorio nazionale, ospita molti vitigni a bacca bianca e a bacca rossa; questi vitigni di tipo autoctono e alloctono vengono coltivati in maniera uniforme su tutta la regione e, le condizioni climatiche e la morfologia del territorio, hanno contribuito allo sviluppo e alla prolificazione della vite.

La morfologia del territorio lombardo presenta una regione prevalentemente pianeggiante e ricca di corsi d’acqua come fiumi e laghi, la presenza di questi corsi d’acqua mitiga le temperature delle zone circostanti rendendo attiva la coltivazione anche di agrumi e di olivi; il clima in Lombardia infatti è di tipo continentale ed ha un’alta percentuale di umidità e di nebbia, caratteristica principale di queste zone. Nelle vicinanze dei laghi il clima diventa di tipo mediterraneo dove si sviluppano appunto anche agrumeti e oliveti.

Per quanto riguarda i vitigni, in Lombardia è presente un elevato numero di vigneti che sono di tipo locale ma anche di provenienza estera, questi ultimi hanno trovato nella regione lombarda le condizioni giuste per svilupparsi e per crescere in maniera perfetta. Per quanto riguarda i vitigni a bacca bianca alloctoni e locali si possono menzionare lo Chardonnay e il Pinot Bianco e Grigio a cui è possibile aggiungere il Moscato Giallo e il Manzoni Bianco; per quanto riguarda i vitigni a bacca rossa invece si possono menzionare il Merlot, il Barbera, il Cabernet Sauvignon e la Schiava Lombarda. Tra i vitigni più antichi e storici della regione lombarda non si può non ricordare la Merera, l’Altulina e la Gafforella.

Tra le varie aree di produzione più importanti della Lombardia ci sono la Valtellina in cui si produce l’omonimo DOCG della zona, l’area di Franciacorta in cui viene prodotto il Franciacorta DOC e infine l’Oltrepò pavese produttrice della celebre Bonarda; le altre zone di produzione più importanti sono quelle a sud di Mantova dove viene prodotto una qualità di Lambrusco e la zona del Lago d’Iseo dove viene prodotto il Valcalepio. La Lombardia, essendo una regione molto estesa, presenta una grande quantità di vini prodotti tra cui ci sono i classici marchi di punta che sono i portabandiera della tradizione vinicola lombarda.

Tra la numerosa quantità di vini che la Lombardia produce ci sono 14 vini a marchio DOC e 4 vini a marchio DOCG, mentre tra i prodotti a marchio IGT ci sono circa 13 vini; i vini DOCG sono il Franciacorta, il Valtellina Superiore, lo Sfurzat della Valtellina, il Moscato di Scanzo e l’Oltrepò Pavese. Tra i prodotti a marchio DOC ci sono il celebre Valcalepio, il Capriano del Colle, il Garda Classico, il Colli Mantovani, il Cellatica e altri ancora; tra tutti questi vini citati il Franciacorta è uno dei prodotti simbolo della tradizione vinicola lombarda, esso viene definito l’antico rivale del più classico degli champagne francesi ed è sicuramente il vino più conosciuto sul panorama vinicolo mondiale.

La Lombardia negli ultimi anni sta sviluppando un turismo enogastronomico molto interessante, questo può essere possibile grazie ad una grande e antica tradizione vinicola presente in regione e anche grazie ad una ricca tradizione gastronomica, che vanta diversi piatti e ricette tipiche di questi luoghi fantastici.

Share.

I commenti sono chiusi