Lavorare su una nave da crociera come cuoco: pro e contro 

0

Chi ama viaggiare spesso si ritrova a pensare a come sarebbe avere la possibilità di lavorare in giro per il mondo. Lavorare in posti lontani da casa può essere l’occasione per accumulare tanta esperienza, non solo lavorativa ma, più in generale, di vita. Si viene infatti a contatto con tante persone da tutto il mondo e con culture diverse. Prendiamo ad esempio il cuoco di una nave da crociera. Senza dubbio il lavoro in cucina è estremamente impegnativo, ma alla fine del proprio turno, il cuoco potrebbe ritrovarsi su qualche spiaggia meravigliosa. Uno dei sogni nel cassetto di tanti chef – e aspiranti tali – è proprio quello di lavorare a bordo di una nave da crociera.

La nave, infatti, attracca in luoghi meravigliosi, tutti da visitare e accoglie persone (clienti e dipendenti) da ogni dove. Ad ogni crociera si crea un gruppo di lavoro affiatato, si conoscono persone nuove, si è in un ambiente dinamico e multiculturale. Ecco perché per tanti è un lavoro splendido e piacevole.

Lavorare in mare ha moltissimi vantaggi – soprattutto economici – ma è chiaro che non è una cosa che non va presa alla leggera. Si tratta di un lavoro piuttosto duro, per il quale bisogna rimboccarsi le maniche e darsi da fare costantemente.

Se tutti sappiamo come si prenota una crociera come viaggiatori, sono in tantissimi invece a chiedersi come si possa lavorare a bordo come cuoco, quanto sia impegnativo e difficile e soprattutto quanto guadagna un cuoco su una nave da crociera. Cerchiamo di rispondere a questi interrogativi.

Trovare lavoro e diventare cuoco su una nave da crociera?

Trovare lavoro come cuoco su una nave è sempre più facile per diversi motivi. Intanto perché ci sono corsi di formazione professionalizzanti semplici da seguire; in secondo luogo perché ci sono sempre più navi e più tratte. Le possibilità di lavoro quindi in questo settore ci sono e sono in aumento. Le compagnie che cercano cuochi di bordo sono diverse, sia italiane che straniere, e accettano di buon grado anche coloro che di fatto non hanno grandi esperienze.

Per diventare cuoco su una nave da crociera è necessario avere almeno il diploma di scuola superiore o in alternativa un attestato professionale. Dal momento che si viaggia anche in acque internazionali è anche indispensabile avere il passaporto e saper dimostrare di essere in buona salute sottoponendosi alle necessarie visite mediche. Di norma è preferibile la conoscenza di una o più lingue straniere, nonché una buona gestione dello stress e capacità di stare con gli altri.

Vantaggi e svantaggi di questo lavoro

I motivi principali per i quali tanti ambiscono a fare questa attività sono due:

  • Gli alti compensi;
  • L’esperienza di lavorare in un ambiente altamente stimolante e multiculturale.

Un cuoco di una nave da crociera può guadagnare cifre importanti. Si parla infatti più o meno di stipendi che partono dai 2.000 euro. Senza contare le mance, i benefit e i vantaggi che si hanno lavorando su una nave da crociera. Vitto e alloggio sono gratis, vengono rimborsate le spese di viaggio, c’è un servizio di lavanderia gratuita, la palestra, l’assistenza medico-sanitario, e si viaggia senza spendere nulla. In generale le condizioni sulla nave sono buone perché è interesse e premura delle compagnie far sì che il personale stia bene.

Lavorare nel settore turistico non vuol dire essere in vacanza, questo bisogna averlo ben chiaro. Oltre a questo bisogna considerare che, soprattutto all’inizio, è necessario abituarsi ai ritmi della cucina, che in particolare in una nave da crociera, è praticamente sempre aperta. Superata la prima fase di adattamento, tutto diventa più piacevole e leggero e si apprezzano i lati positivi di questo tipo di impiego.

Share.

Comments are closed.